Colmar

Home » Comuni » Colmar

Comune di Colmar (68)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Le armi araldiche della città di Colmar sono un esempio di arme « parlante » giacché sono derivate la legame tra il termine alemanno/alsaziano kolben (mazza d’armi) e il nome latino della città : COLUMBARIA  (823 d.C.) o COLMARIA.

La mazza d’armi, ormai tradizionale simbolo civico, compare sul più antico sigillo del Consiglio Cittadino del 1214, anche se è rappresentata come tre manici muniti di palla posti in palo sopra un leone (passante).

Dal 1425 la città acquisì la magistratura del Schultheiss, presidente del tribunale di giustizia, per cui la mazza d’armi comparve anche sul sigillo del tribunale.

La prima rappresentazione « a colori » degli smalti dello stemma risale al XV secolo, su una vetrata della Décapole : il campo è d’argento, e la mazza posta in banda di nero, ma colle punte rosse poste in guisa di stella, il manico si allarga verso il basso e l’insieme evoca una cometa.

Nell’Armorial Général di Luigi XIV si combinano i colori delle livree del personale municipale, rosse e verdi, con la mazza dello stemma antico (indicata però come rotella di sperone), ottenendo la figura che compare anche oggi in molti luoghi della città.

Il 10 maggio 1820 lo stemma civico viene confermato alla città, col blasone : « Parti de gueules et de sinople, à la masse d’armes d’or posée en barre brochant sur la partition »

(Partito di rosso e di verde, alla mazza d’armi d’oro posta in sbarra passante sulla partizione).

La città di Colmar è stata insignita della Croix de guerre 1914-1918 (conferita il 5 ottobre 1922) e della Croix de guerre 1939-1945 (30 giugno 1948).

Colmar 1

Solitamente si rappresenta il solo scudo, dal quale il Comune ha ricavato il logo pubblicitario che fregia tutta la pubblicistica cittadina, ma lo stemma completo comprenderebbe la corona di città, due rami (i classici alloro e quercia) e le decorazioni militari.

 

Nota di Massimo Ghirardi e Daniel Juric

Profilo Araldico
“Partito di rosso e di verde, alla mazza d’armi d’oro posta in sbarra passante sulla partizione”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: rosso, verde
Partizioni: partito
Oggetti dello stemma mazza
Attributi araldici: passante, posto in sbarra

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su