Colle di Val d’Elsa

Home » Comuni » Colle di Val d’Elsa

Città di Colle di Val d’Elsa (SI)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: C847
  • Codice Istat:
  • CAP: 53034
  • Numero abitanti: 21629
  • Nome abitanti: colligiani
  • Altitudine: 141
  • Superficie: 141
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 20.0
  • Distanza capoluogo: 20.0

Storia dello stemma e del comune

Secondo la tradizione in antico il nome della località era PITICCIANO, denominazione che identificava “…alla parte della città alta di Colle, detta il Terzo del Castello” (Repetti) e documentato da una bolla papale del 23 novembre 1183 (“Castellum Piticcianum, quod Colle vocatur cum ecclesiiset suis appendicis”). La città è oggi costituita da una parte più antica, Colle Alta (o Borgo), e una più recente Colle Bassa (o Piano), caratterizzata da insediamenti residenziali e produttivi. Fu feudo dei vescovi-conti di Volterra, nel 1003 passò agli Aldobrandeschi. Costituitosi in Libero Comune fu a lungo contesa tra Siena e Firenze, finché gli abitanti non riconobbero la supremazia dei fiorentini nel 1333. Nel 1592 fu eretta in sede vescovile ed ebbe il titolo di “città”. Con Regio Decreto n. 862 del 21 settembre 1862 COLLE assume come determinante toponomastico DI VAL D’ELSA, per la posizione nella valle e sulla riva sinistra del fiume Elsa. Lo stemma presenta un “collo” di cavallo, in funzione “parlante” con il toponimo. Si crede che “la scelta del cavallo fu fatta per denotare la libertà in cui i Colligiani, nell’erigersi in comune, avevano determinato di vivere” (Pagnini). Allorché riconobbero la supremazia di Firenze nel sigillo della città la testa di cavallo venne posta in un quarto franco sullo scudo del Popolo di Firenze (la croce rossa in campo argento), in alcune versione successive il cavallo è “infrenato”, cioè col morso legato al giglio fiorentino. Si blasona: “D’argento alla testa e collo di cavallo, di rosso, allumata di argento con la pupilla di nero. Ornamenti esteriori da Città”. Rosso e argento sono i colori di Firenze (e anche di Volterra). Oggi la circoscrizione amministrativa comprende anche il territorio di Castelnuovo di Val di Cecina, un tempo indipendente, che aveva un suo emblema costituito da un castello con una torre merlato alla ghibellina. Nota di Massimo Ghirardi e Alessandro Savorelli Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997. Pagnini (G.P.) a cura di, GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa, Giunta Regionale Toscana, 1991. Repetti (E.). DIZIONARIO GEOGRAFICO-FISICO-STORICO DELLA TOSCANA. Tofanari & Mazzoni, Firenze 1846.
Profilo Araldico
“D’argento alla testa e collo di cavallo, di rosso, allumata di argento con la pupilla di nero. Ornamenti esteriori da Città”.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Colori dello scudo: argento
Profilo Araldico
“Drappo troncato di bianco e di rosso, riccamente ornato di ricami d’oro e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro, recante la denominazione della Città. Le parti di metallo ed i cordoni saranno dorati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’oro”.
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su