Civitanova Marche

Home » Comuni » Civitanova Marche

Comune di Civitanova Marche (MC)

Informazioni

  • Codice Catastale: C770
  • Codice Istat:
  • CAP: 62012
  • Numero abitanti: 40816
  • Nome abitanti: civitanovesi
  • Altitudine: 3
  • Superficie: 3
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 29.0
  • Distanza capoluogo: 29.0

Storia dello stemma e del comune

Già RIPA DI SAN MARONE, poi CIVITANOVA ALTA.

L’attuale disegno delle armi del Comune risale alla seconda metà dell’ottocento; di questo stemma si conoscono diverse versioni: tutte però recanti la figura di San Marone recante il bastone da pellegrino (bordone) e la palma del martirio. Molti presentano anche la torre, oggi rappresentata alta su di una rupe a picco sul mare. Attualmente la mano destra del santo è libera e in gesto benedicente accanto ad una pietra posata sull’arenile come allusione al suo martirio (condannato ad essere schiacciato da una grande pietra); sullo sfondo si vede un’imbarcazione a vela.

Contornano lo scudo delle foglie d’acanto, racchiuse in un elaborato “cartoccio ad orecchioni”, ed è sormontato da una corona marchionale. Nel 1551 infatti la famiglia Cesarini fu investita del feudo da papa Pio IV, poi , elevato a marchesato nel 1560 e, successivamente, in ducato da Sisto V il 12 luglio 1585 (e lo resterà per oltre duecento anni!).

L’odierna frazione di PORTOCIVITANOVA fu comune autonomo dal 1913 al 1938, allorché i Comuni di Civitanova Alta e Portocivitanova si unificarono, e aveva proprio stemma adottato nel 1928 disegnato dal marchese Adriano Calocci di Jesi (1855-1941) membro della Consulta Araldica del Regno dal 1921 al 1930. Lo stemma di Porto Civitanova presentava una “Paranza” (tipica imbarcazione adriatica) come emblema della vocazione peschereccia del porto. Successivamente fu aggiunto un campo di rosso alla ruota dentata d’argento simbolo dell’industria. Lo stemma fu approvato da Vittorio Emanuele III il 23 febbraio 1928: “Troncato. Nel primo di rosso alla ruota d’ingranaggio d’argento, nel secondo d’azurro al mare fluttuante d’argento con la barca da pesca navigante alla vela latina spiegata, il tutto al naturale, la vela caricata in alto di una stella di cinque raggi d’oro”.



Note di Massimo Ghirardi
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Reperito da: Anna Bertola

Stemma Ufficiale
Altre Immagini


Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico
“Drappo partito di rosso e di giallo…”
Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: giallo, rosso
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Regio Decreto (RD) di concessione – 06/10/1927

Torna su