Chiusaforte

Home » Comuni » Chiusaforte

Comune di Chiusaforte (UD)

Informazioni

  • Codice Catastale: C656
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 705
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il primitivo nome di CHIUSA1 deriva dal latino “clausum” (‘chiuso’; in friulano Scluse, come pure documentato nel 923) in riferimento alla strozzatura dei monti a nord dell’abitato entro la quale si insinua il fiume Fella, un passaggio obbligato per quanti discendevano o risalivano dal Norico (Austria) ad Aquileia. In epoca romana sorse, forse su un preesistente fortilizio, una fortificazione a controllo della via con locanda e stazione di cambio (Statio Larix o Viam Belloio)2.

I patriarchi di Aquileia, feudatari di tutta la regione, verso l’XI secolo, la resero ancor più sicura, e la dotarono di una cappella e di un ospedale per i viandanti.

La sua posizione strategica fece in modo che fosse a lungo contesa ai Patriarchi dai vari dominatori della zona: i conti di Gorizia, i duchi di Carinzia, i duchi d’Austria e infine la Repubblica di Venezia.

Alla Caduta della Serenissima nel 1797, ad opera di Napoleone, la regione del Friuli venne ceduta all’Austria. Con il Regno (napoleonico) d’Italia vennero aboliti i feudi e riorganizzato il territorio in “départements” (province) e “mairies” o “communes” (comuni)3, dal 1815 al 1866 fu soggetto al Regno (austriaco) Lombardo-Veneto e, dal 1866, annesso al Regno d’Italia.

Con Regio Decreto di Vittorio Emanuele II n. 3893 del 18 agosto 1867 si assegnò il determinante toponomastico “FORTE” per distinguere questo Comune dagli altri omonimi, generando CHIUSA FORTE, l’antico insediamento, con i ruderi della fortezza, prese nome di Chiusa Vecchia.

Lo stemma comunale, in uso da tempo, fu riconosciuto con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e mostra, su campo argento, una banda rossa accompagnata in capo e in punta da una testa di leopardo4 (al naturale) in maestà.

Stemma dell’ex Comune di Raccolana

Attualmente fa parte di Chiusaforte anche il territorio del soppresso comune di RACCOLANA, che dà il nome all’omonima valle, che aveva un suo stemma, regolarmente concesso con Decreto del 20 marzo 1921: “D’azzurro, al monte di tre cime al naturale, il terrazzo con abete di verde e la mucca d’oro con collare e campanella d’argento” .

Con l’unione dei due comuni, sancita con Regio Decreto del 15 marzo 1928 n. 659, la denominazione di CHIUSA FORTE venne modificata in CHIUSAFORTE.

(1): analogamente a Chiusa/Klausen (Bz)

(2): Conti, 2012

(3): “Code Napoleon” lib.II

(4): Potrebbe apparire strana la presenza di un “leopardo” tra le montagne friulane. In realtà, in araldica viene così definito il leone quando si presenta con la testa di fronte. In aggiunta, lo stemma del quale il Comune di Chiusaforte chiese ed ottenne il riconoscimento, adducendo la sua secolare presenza sulla pubblica fontana, apparteneva alla famiglia patrizia veneziana Lippomano / Lippamano, che probabilmente ebbe giurisdizione sul paese o sulla vicina fortezza, la Chiusa appunto (Coronelli).

Nota di Enrico Filaferro, Massimo Ghirardi, Giovanni Giovinazzo e Giancarlo Scarpitta

Bibliografia:

Conti, C., “Chiusaforte: fonti ed ipotesi per una ricerca storica”, in Ce fastu, LXXXVIII (2012), 2, pp. 185-214.
Coronelli, V.M., Blasone Veneto Delineato, e Descritto dal P. Coronelli, [Milano], Orsinidemarzo.com, [2003], (Biblioteca heraldica genealogica antiqua et rara, 10); ristampa anastatica dell’edizione Venezia, 1693.
Fuccaro L., Danelutto A., Chiusaforte e la Val Raccolana, dalle origini ai giorni nostri, Chiusaforte, La Chiusa, 2011.
Gazza Queirasca, G., et al., Dizionario di toponomastica : storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 1997.
Profilo Araldico
“D’argento alla banda di rosso, accompagnata in capo ed in punta da una testa e collo di leopardo, al naturale ed in maestà. Ornamenti esteriori di Comune”. D.Ric. 13 giugno 1921
Stemma ridisegnato

Stemma Ufficiale
Altre Immagini


Colori dello scudo: argento
Profilo Araldico
“Drappo di rosso…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su