Capo di Ponte

Home » Comuni » Capo di Ponte

Comune di Capo di Ponte (BS)

Informazioni

  • Codice Catastale: B664
  • Codice Istat:
  • CAP: 25044
  • Numero abitanti: 2519
  • Nome abitanti: capontini
  • Altitudine: 362
  • Superficie: 362
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 77.5
  • Distanza capoluogo: 77.5

Storia dello stemma e del comune

L’attuale capoluogo sorge alla confluenza del torrente Glegna nel fiume Oglio, sulla riva sinistra di quest’ultimo. Il centro “storico” dominante fu per lungo tempo però Cemmo, sulla sponda opposta; i due paesi sono collegati da un ponte che è all’origine del toponimo in uso del Comune (“al principio del ponte”). Lo stemma del Comune di Capo di Ponte risale al XIX secolo, ed è stato riconosciuto con Decreto del Capo del Governo del 2 settembre 1928, si blasona: “D’azzurro, alla spada posta in banda d’argento, manicata d’oro e decussata con un ramo di alloro di verde, attraversata da una bilancia d’oro. Motto: IUSTITIA ET PAX”. Nel bozzetto originale lo stemma è rappresentato con uno scudo “gotico”. Come per i Comuni bresciani di Bione e Mura, nonché di quello reggiano di Viano, anche questo comune ha un emblema che deriva dal sigillo in uso durante la Repubblica Italiana napoleonica (1802-1805), che presentava invariabilmente i simboli della giustizia intrecciati tra loro. Anche al Comune di CEMMO, che venne creato unendo le borgate di Capo di Ponte e Pescarzo, venne assegnato un sigillo di questa foggia che venne in seguito interpretato come emblema civico. Assumerà la denominazione di CAPO DI PONTE nel 1859 e lo stemma verrà “riconosciuto” nel 1929. Alcuni vedono nella spada il simbolo delle lotte e dei numerosi assedi subiti dal castello di Cemmo nel corso della storia, mentre la bilancia sarebbe il segno della “illuminata giustizia” dei Vicari dei conti della località. Nota di Massimo Ghirardi e Marco Foppoli Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997. Foppoli M. STEMMARIO BRESCIANO. Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia. Grafo, Brescia 2011.
Profilo Araldico
“D’azzurro, alla spada posta in banda d’argento, manicata d’oro e decussata con un ramo di alloro di verde, attraversata da una bilancia d’oro. Motto: IUSTITIA ET PAX”. D.C.G. 2 settembre 1928
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico
“Drappo di rosso…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su