Capannori

Home » Comuni » Capannori

Comune di Capannori (LU)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: B648
  • Codice Istat:
  • CAP: 55012
  • Numero abitanti: 46207
  • Nome abitanti: capannoresi
  • Altitudine: 15
  • Superficie: 15
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 5.0
  • Distanza capoluogo: 5.0

Storia dello stemma e del comune

È l’antica CAPANNOLE nominata nel l’anno 745, e il toponimo deriva dal tardo latino “capanna” (‘casupola’). Nel 1898 è detta anche CAPANNORE. Ha adottato da molto tempo uno stemma con una capanna, in funzione “parlante” perché assonante al toponimo, posta sulla nota “balzana di Lucca” (“troncato d’argento e di rosso”). Il Pagnini, nella sua raccolta, lo descrive come segue: “Una capanna, impresa parlante, in mezzo allo scudo di Lucca forma l’arme di questa comunità; la quale è di per sé stessa chiara abbastanza da non aver bisogno di spiegazioni”. Nell’uso corrente allo stemma è abbinata la “pantera” di Lucca, che viene rappresentata accovacciata alla base dello scudo e la corona da nobile, in luogo di quella del rango di Comune. Da notare che la “pantera” è rappresentata in modo naturalistico, mentre la “pantera” di Lucca e quella araldica sono differenti1. Nello Statuto del Comune lo stemma è descritto in modo non propriamente corretta, dal punto di vista tecnico: “Scudo bianco e rosso con al centro una capanna; contornano lo scudo fronde di lauro a sinistra ed una cornucopia a destra, dalla quale fuoriescono i frutti della terra. Una pantera è accovacciata su foglie di acanto al di sotto dello scudo”. E ne dà una spiegazione storica: “…La capanna ricorda le prime abitazione agricole sorte nel piano di Lucca intorno a un ospizio dedicato a san Quirico, che dettero al luogo il nome di Capannole”. Più correttamente si dovrebbe dire: “Troncato d’argento e d’ rosso, alla capanna circolare con copertura conica d’oro attraversante”. Sul gonfalone storico la capanna è caricata sulla “balzana” di Lucca e posta entro un complesso cartiglio, nonché timbrato dalla corona principesca. Ispirato a questo è lo stemma del Comune di Porcari, che fino al 1913 era frazione di Capannori. (1): la PANTERA araldica si descrive come un “animale chimerico, assai differente all’omonimo naturale, si rappresenta con parte posteriore del corpo di leone, arti superiori di grifone, testa d’aquila, talvolta cornuta e vomitante fiamme (ignivoma)”. Mentre lo stemma della Provincia di Lucca e quello aulico della città mostrano l’uno un leopardo e il secondo due leopardi, che per la tradizione sono di sesso femminile. Note di Massimo Ghirardi Si ringraziano Alessandro Neri, Roberto Pinca e Lucia Piguzzi per la gentile collaborazione. Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997. Pagnini G.P. (a cura di). GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa/Giunta Regionale Toscana, Firenze 1991.
Profilo Araldico
“Troncato d’argento e d’ rosso, alla capanna circolare con copertura conica d’oro attraversante”
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Colori dello scudo: argento, rosso
Partizioni: troncato
Profilo Araldico
“Drappo troncato di bianco e di rosso…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su