Calci

Home » Comuni » Calci

Comune di Calci (PI)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: B390
  • Codice Istat:
  • CAP: 56011
  • Numero abitanti: 6513
  • Nome abitanti: calcesani
  • Altitudine: 50
  • Superficie: 50
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 12.4
  • Distanza capoluogo: 12.4

Storia dello stemma e del comune

L’emblema della Comunità calcesana è costituito da tre calzari o stivali (i “cuturni” degli antichi legionari romani) rappresentati in oro su smalto azzurro ed è ricavato da una scultura del pulpito della pieve di Calci. Lo scudo della città è accompagnato dal motto VIRET SEMPERQUE VIREBIT (“è verde e sempre sarà verdeggiante”) e risale al XIV secolo, il 27 febbraio 1868 (un anno dopo l’erezione del Comune di Calci, distaccatosi da quello della città di Pisa) il Consiglio Comunale ne chiese formale riconoscimento al re. Il disegno (pur storicamente attestato) suscitò perplessità negli ufficiali fiorentini, ai quali venne chiesto il nulla-osta per l’avvio della pratica e suggerirono uno stemma completamente nuovo, composto da un olivo, una fascia ondata e un castello merlato che avrebbero (secondo loro) meglio illustrato la principale risorsa della zona ricca di oliveti, il torrente Zambra che l’attraversa e l’antico castello che sovrasta il paese noto anche come Fortezza Maggiore. Il toponimo deriva da “calx” ossia la calce delle vicine cave del monte, conosciuto proprio come “Locus calcis”. Lo stemma, invece richiama il nome latino per assonanza con “calzari” e, al di là delle ironie, vuole simboleggiare la fierezza degli abitanti pronti a difendersi (disposti fin a “prender a calci” gli avversari) per salvaguardare le proprie prerogative di autonomia comunale. Note di Massimo Ghirardi Il comune di Calci è un comune sparso con capoluogo in frazione La Pieve. I comuni confinanti sono: Buti, Capannori, San Giuliano Terme, Vicopisano.
Profilo Araldico
“D’azzurro, a tre piedi umani, volti a destra, calzati da cuturni, disposti triangolarmente e verticalmente. Lo scudo è sormontato da una corona turrita, circondato dal basso da due ramoscelli di ulivo e con sottostante il motto “Viret semperque virebit”. “
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico
“Drappo di azzurro…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su