Il nuovo stemma dell’Abruzzo

Il Consiglio regionale dell’Abruzzo, nella seduta assembleare di ieri 5 luglio, ha approvato all’unanimità la legge che istituisce il nuovo stemma e gonfalone della Regione. Il presidente Lorenzo Sospiri, in aula, ha sottolineato l’importanza di “lasciare in eredità agli abruzzesi un simbolo identitario che faccia sentire tutti i cittadini delle province d’Abruzzo davvero uniti”. La principale novità è l’inserimento dell’effige del “Guerriero di Capestrano” che si sovrappone allo scudo sannitico già presente nel vecchio stemma. “È il più celebre guerriero italico – sottolinea Sospiri – ‘icona’ simbolo dell’Abruzzo e della sua identità. E’ l’immagine di un re, il re Nevio Pompuledio, che si ergeva in origine in cima al suo tumulo sepolcrale della necropoli presso Capestrano”. È l’articolo 2 della legge che dettaglia la nuova composizione grafica: “I tre colori (argento, verde e azzurro ndr) rappresentano, nell’ordine, le cime innevate del Gran Sasso, della Maiella, del Sirente, del Velino e dei contrafforti appenninici, i boschi, le colline ed il Mar Adriatico. Al di sopra dello stemma è posta una corona d’oro, sormontata dalla denominazione “REGIONE ABRUZZO” in lettere maiuscole d’oro. Sotto lo scudo è indicato il motto “Gentium Vel Fortissimarum Italiae” in caratteri minuscoli”.

(fonte Consiglio Regionale dell’Abruzzo)

Abbiamo inserito la versione vettoriale prodotta da Carletto Genovese. Aspettiamo i vostri commenti sulla scelta (discutibile) sul nuovo stemma.

Inserito il 17 Agosto 2022

Tag: Aggiornamenti

Questo articolo è riferito alla Regione Abruzzo

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.