Kramatorsk


Città di Kramatorsk – (Dn)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma della città di Kramatorsk (герб Краматорська / Herb Kramators’ka) è stato disegnato direttamente dal noto storico ucraino Andriy Bogdanovich Grechylo (n.1963), specialista in araldica, vessillologia, faleristica, emblematica e sfragistica, nonché presidente della Società Araldica Ucraina, in collaborazione con lo storico locale Kotsarenko Vladimir Fedorovich. È l’esito di un apposito concorso al quale hanno partecipato diversi esperti nazionali e locali, promosso dal sindaco di allora Gennady Kostyukov nel 2007.

 

Si compone dello scudo “slavo” (meglio conosciuto come “tedesco”) azzurro arrotondato inferiormente, sul quale compare una ruota di ingranaggio d’oro e le sagome di due riscaldatori ad aria “cowpers” (dell’industria metallurgica), una ciminiera fumante e un altoforno, nel capo d’oro tre foglie di acero verdi. È sormontato dalla classica corona muraria d’argento delle città ucraine e decorato da un nastro con i colori nazionali.

 

Nella descrizione che accompagna il disegno si esplicita che il capo d’oro simboleggia la ricchezza, la forza, la lealtà e la perseveranza mentre l’azzurro la gloria e l’onore – e sono ripresi dal vessillo nazionale ucraino – mentre le foglie d’acero ricordano che Kramatorsk è una “città giardino”. Gli altri elementi “industriali” richiamano le grandi industrie della città, specializzate in ingegneria meccanica, metallurgia.

 

Questo stemma sostituisce quello risalente al 1968, realizzato per una medaglia commemorativa in occasione del centenario di fondazione della città e disegnato da Petro Fedorovich Dyachenko. Si presentava completamente rosso e caricato pressoché con gli stessi elementi (fortemente stilizzati) di quello in uso oggi (con l’aggiunta della sagoma di una montagna – di gesso – e un albero – di acero -, ma che venne formalmente adottato solo il 5 agosto 1970 con la deliberazione n. 346 del Comitato Esecutivo del Consiglio dei Deputati dei Lavoratori della città di Kramatorsk, nell’atto si legge: “Lo stemma della città di Kramatorsk è un’incarnazione simbolica nella forma artistica delle gloriose tradizioni della città e della natura della produzione principale. Lo stemma afferma gli ideali comunisti del potere sovietico nello sviluppo dell’industria della costruzione di macchine della città. Questi ideali sono rivelati da mezzi di immagine semplici, concisi e generalizzati.”

È rimasto in uso fino al 9 aprile 2008, quando la commissione concorsuale ha selezionato lo stemma attuale.

 

La bandiera di Kramatorsk (Прапор Краматорська / Prapor Kramatorsʹkyy) si presenta normalmente come uno stendardo quadrato composto da tre strisce orizzontali: giallo superiore, blu centrale e giallo inferiore (il rapporto tra la larghezza delle strisce è 1: 4: 1) con, al centro, l’emblema sovietico della città. Anch’essa è l’esito del concorso indetto dal sindaco Kostyukov  per l’adozione degli emblemi e approvata dal consiglio comunale il 24 settembre 2008. Il disegno è anch’esso di Andriy Bohdanovych Grechylo e Volodimir Fedorovich Kotsarenko. Talvolta viene utilizzata in forma rettangolare.

 

Kramatorsk (Краматорськ / Kramators’k, in ucraino) è una città dell’Oblast’ di Donec’k, capoluogo dell’omonimo Distretto.

 

Nata come raggruppamento di piccoli villaggi (Petrivka, Abazovka, Ivanivka, Šabel’kivka e Štejgerovka) intorno al XVIII secolo, la data di fondazione è stata convenzionalmente fissata al 1868 con la realizzazione dell’omonima stazione ferroviaria sulla linea Kursk-Charkiv-Azov che la collega ancora oggi a Kiev, Odessa e Kostjantynivka.

 

La città si sviluppò nel XIX secolo grazie alle industrie metalmeccanica e siderurgica.

 

L’etimologia del toponimo moderno non è stata del tutto chiarita. Si ritiene che possa essere il risultato dell’unione delle parole ucraine “kroma” (“frontiera” o “confine”) e all’aggettivo “tors’ka” (in riferimento al vicino fiume Tor, l’attuale Kazennyj Torec’) col probabile significato letterale di “confine attraverso il Tor“; nel corso del XIX secolo era infatti attestata in effetti la forma Kram na Torci (Крам на Торці).

 

 

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo Araldico


Non ancora una blasonatura

Colori dello scudo:
azzurro, oro
Partizioni:
capo
Profilo Araldico

“Drappo fasciato di giallo, azzurro, giallo in rapporto 1:4:1. Caricato dello stemma comunale…”

bandiera ridisegnata

Disegnato da: Massimo Ghirardi

bandiera Ufficiale
Altre Immagini


Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,